Tweeting in Firenze - Un anno di tweet in città

Se nel lontano 1984 lo scrittore William Gibson nel suo romanzo più famoso, Neouromante, ci parlava del Cyberspazio come “A consensual hallucination experienced daily by billions of legitimate operators, in every nation, by children being taught mathematical concepts… A graphic representation of data abstracted from the banks of every computer in the human system. Unthinkable complexity. Lines of light ranged in the nonspace of the mind, clusters and constellations of data. Like city lights, receding….” oggi l’analisi e la rappresentazione cartografica dei dati inviati dagli utenti del popolare sito di microblogging Twitter descrive una realtà urbana, come le luci di una città che si illuminano, tutta nuova e da esplorare. L’analisi che segue, parte di una sperimentazione in corso, si focalizza sulla raccolta, analisi, ed interpretazione dei tweet georeferenziati1 (300.000) inviati nella città di Firenze tra Gennaio 2013 e Gennaio 2014, in un anno di “Tweeting in Firenze”, e in particolare si propone di esaminare:

  • La distribuzione territoriale dei tweet (per quartiere)
  • L’analisi delle lingue
  • I termini ricorrenti nei tweet

La finalità è quella di raccontare una storia urbana nuova che si ispira ai cosiddetti dati user generated.

I TWEET PER QUARTIERE

La figura 1 (sopra) mostra la distribuzione per quartiere dei tweet collezionati in un anno nella città di Firenze; si possono evidenziare in tal modo le aree della città e i quartieri con le concentrazioni maggiori di tweet, così suddivisi: Q1 57,7%; Q2 15,6%; Q3 3,5%; Q4 6,4%; Q5 16,8%

Aree a maggiore densità tweet – Quartiere 1

Figura 2. Aree a maggiore densità tweet – Quartiere 1

Aree a maggiore densità – Quartiere 1

  1. Santa Trinita – Via del Parione – Lungarno Corsini -Via de Tornabuoni – Palazzo Strozzi
  2. Piazza Signoria
  3. Duomo – p.za della Repubblica
  4. Ponte vecchio
  5. Stazione –Via Nazionale –Mercato Centrale
  6. Santa Maria Novella
  7. Santa croce
  8. Fortezza
  9. Via Cavour
  10. Santo Spirito – Via dell’Ardiglione

LE LINGUE DEI TWEET

La figura 3. mostra la concentrazione di tweet nel centro storico di Firenze; i dati (tweet) sono rappresentati per “lingua”.
La sperimentazione ha preso in esame un campione di tweet in lingue diverse ovvero italiano, francese, inglese, spagnolo, russo, con l’obiettivo di mostrare comportamenti culturali diversi o omogenei, e come l’interpretazione di dati user generated possa raccontarci delle storie nuove e descrivere una geografia urbana ancora non del tutto esplorata. Il primo aspetto da sottolineare è l’ampia diffusione territoriale di tweet in lingua inglese e in lingua italiana, i quali si affermano in maniera decisiva rispetto ai nuclei francesi, spagnoli e russi; il secondo riguarda la concentrazione territoriale dei tweet in particolari aree della città. La figura 4., Duomo e P.za della Repubblica, ci conferma infatti l’importanza di alcuni luoghi come la “Piazza” ad esempio, quale punto di incontro e aggregazione, ma anche l’attrattività di altri luoghi (Nuovi Luoghi), che al di là delle icone per eccellenza (es. Ponte Vecchio), sembrano attirare l’attenzione degli utenti (si osservi ad esempio la diversità, la concentrazione e la numerosità dei tweet nei pressi dell’Hard rock cafè).

Firenze centro storico - Lingua
Figura 3. Firenze centro storico – Lingua
Duomo – Piazza della Repubblica
Figura 4. Duomo – Piazza della Repubblica

L’ANALISI DEL TESTO

I 50 termini ricorrenti: FIRENZE UFFIZI FLORENCE NOVOLI FIORENTINA AMAZING ITALY PIZZA PIAZZA DAVID LOVE MERCATO ITALIA RENZI TOSCANA MATTEORENZI DUOMO STADIO VECCHIO MONTELLA PONTE MUSEO STAZIONE GIARDINO PITTI VILLA PALAZZO FORTEZZA HAPPY ARNO FLORENCIA BASILICA TUSCANY AEREOPORTO MICHELANGELO RISTORANTE GOMEZ VESPUCCI PIAZZALE BOBOLI CALCIOMERCATO MAGGIO BEAUTIFUL VINO SIGNORIA FORZAVIOLA CATTEDRALE ACCADEMIA MEDICI

Se si volessero individuare delle categorie nelle quali organizzare i termini più ricorrenti, allora Arte e Paesaggio, risulterebbero certamente le categorie più popolate. E’ il quadro che emerge dall’analisi dei termini “unici” più frequenti ottenuti dall’analisi del testo dei 300.000 tweet, il quale rivela in generale quali siano le tematiche e gli ambiti più dibattuti. Non sorprende che ai primi posti ci siano termini come Firenze, Florence, Italy, Italia, ma è certamente interessante notare l’alta frequenza del termine Fiorentina, riferito alla squadra di calcio della città, piuttosto del piatto tipico; a ruota seguono i monumenti e le bellezze del patrimonio artistico (Duomo, Michelangelo, Signoria, Uffizi), la politica (Renzi), il cibo e i suoi luoghi (vino, ristorante).

Elaborazione a cura di Antonello Romano

Share on Twitter | Facebook | Google+
Themes: Social Media, Urban Geography

← Older Newer →