Shopping transfrontaliero: benzina e sigarette

Le carte 1 e 2 mostrano rispettivamente il costo medio di un pacchetto di sigarette standard nel 2010 e il risparmio percentuale che ne consente l’acquisto oltre frontiera. Le carte 3 e 4 evidenziano il costo medio della benzina nel 2010 e il risparmio percentuale che ne consente l’acquisto oltre frontiera. Notevoli differenze sussistono tra i paesi, le ragioni sono principalmente due: il livello delle tasse e il costo della vita. Un livello dei prezzi così differenziato tra regioni confinanti induce allo “shopping transfrontaliero”: ovvero flussi di persone attraversano regolarmente il confine per acquistare beni a un prezzo inferiore nel paese vicino. Le differenze percentuali di prezzi di sigarette e benzina sembrano essere più marcate nell’estremo est dell’Europa, al confine tra i paesi che appartengono all’Unione europea e quelli che non vi appartengono. Tale fenomeno avviene poiché gli Stati parte hanno indicatori economici simili e livelli di prezzi che, sebbene non si equivalgano, risultano più omogenei rispetto ai paesi al di fuori dello spazio europeo.

Fonte: www.frontex.europa.eu, elaborazione a cura di Filippo Celata

Share on Twitter | Facebook | Google+
Themes: Political geography

← Older Newer →